Appuntamento Musicale

10 giugno 2021 - ore 22,58
13_unnamed_2.jpgMUSEO DIEGO ARAGONA PIGNATELLI CORTES

ASSOCIAZIONE ALESSANDRO SCARLATTI

11 giugno 2021



Venerdì 11 giugno 2021 nei giardini di Villa Pignatelli in collaborazione con la Direzione regionale Musei Campania la Associazione Alessandro Scarlatti inaugura Progetto Beethoven, un ulteriore tributo ai 250 anni dalla nascita di Ludwig van Beethoven con l'esecuzione integrale delle 32 Sonate per pianoforte in 10 concerti affidata a giovani talenti campani in collaborazione con il Conservatorio Giuseppe Martucci di Salerno, con il sostegno della Fondazione Emiddio Mele e con il patrocinio morale del Goethe Institut Neapel.



I primi due concerti, alle ore 19 e alle ore 21, vedono 5 giovani pianisti ( età media 20 anni) impegnati nell'esecuzione delle primissime Sonate dall'opera 2 all'opera 10. William Pio Cristiano eseguirà tre Sonate; Ylenia Taurisano, Alessandro Amendola, Alessandro Volpe eseguiranno una Sonata ciascuno.



Il corpus delle sonate beethoveniane per pianoforte rappresenta uno dei caposaldi del repertorio musicale di ogni tempo. Perché eseguire ed ascoltare Beethoven? Si tratta di un gigante della musica di tutti i tempi, che, attraverso i tempi, riesce ancora oggi ad essere profondamente attuale. È Beethoven stesso, con la sua musica, a porre “domande, tuttora irrisolte, a chi ascolta”, come suggerisce il musicologo Giovanni Bietti. La principale innovazione beethoveniana consiste nella capacità di ripensare da zero, di rimettere in gioco tutti gli elementi del linguaggio musicale classico. Moltissime composizioni beethoveniane non pongono alla base della loro elaborazione un “bel” tema, come nella tradizione mozartiana o haydniana, ma un semplice “gesto”, come i quattro rintocchi che costituiscono il “tema del destino” della celebre Quinta Sinfonia. È a partire da questi semplici “gesti” musicali, semplicissimi e proprio per questo facili da ricordare, che trae forza il linguaggio di questo straordinario compositore. Da qui nasce la potenza e la complessità di uno stile che ha profondamente modificato la percezione della musica e la storia del linguaggio musicale stesso.

La modernità di Beethoven e la sua capacità di parlarci a distanza di due secoli e mezzo rappresentano un eccezionale stimolo per tutti i giovani musicisti a cercare una propria strada per interpretare questo straordinario universo musicale e porgerlo al pubblico di oggi.



Tutti i concerti rispetteranno le norme vigenti sulla sicurezza, con la realizzazione di due spettacoli a sera, alle ore 19 e alle 21, con un numero massimo di 100 spettatori.







Per informazioni:

www.associazionescarlatti.it; info@associazionescarlatti.it

Infoline 081 406011



Biglietti

Biglietto €5





Non saranno in vendita biglietti all’ingresso al concerto. I biglietti saranno in vendita esclusivamente online presso www.azzurroservice.it e presso le prevendite Concerteria, Il Botteghino, MCRevolution e tutto il canale Azzurroservice e Vivaticket.

Nel rispetto del distanziamento sociale la Associazione Alessandro Scarlatti limita il pubblico a 100 spettatori: per questa ragione i concerti saranno ripetuti.

Come previsto dalle norme vigenti, saranno applicate le seguenti misure: all’ingresso della struttura sarà rilevata la temperatura corporea e impedito l’accesso in caso di temperatura superiore a 37,5°C. Tutti gli spettatori devono indossare la mascherina.





Programma



Venerdì 11 giugno - ore 19

WILLIAM PIO CRISTIANO, pianoforte

Sonata op. 2 n. 1 in fa minore

YLENIA TAURISANO, pianoforte

Sonata op. 2 n. 2 in la maggiore

ALESSANDRO AMENDOLA, pianoforte

Sonata op. 2 n. 3 in do maggiore



Venerdì 11 giugno - ore 21

WILLIAM PIO CRISTIANO, pianoforte

Sonata op. 10 n. 1 in do minore

Sonata op. 10 n. 2 in fa maggiore

ALESSANDRO VOLPE, pianoforte

Sonata op. 10 n. 3 in re maggiore



WILLIAM PIO CRISTIANO, classe 2003, frequenta il terzo anno del Corso di Triennio Superiore di Pianoforte presso il Conservatorio G.Martucci di Salerno, nella classe di pianoforte del maestro Giuseppe Squitieri, e, contemporaneamente, è iscritto all’ultimo anno del Liceo Classico R.Caccioppoli di Scafati. Rivelatosi come talento precoce, frequenta le sale da concerto fin dall’età di 9 anni. Ha ricevuto numerosi premi in concorsi pianistici: primo assoluto ai concorsi “Leopoldo Mugnone-Città di Caserta-Belvedere di San Leucio” (2013), “Don Enrico Smaldone” (2014-2015-2017), Carlo Agresti (2017), Sant’Antida di Caserta (2016), “Giovani Promesse” di Bracigliano (2018), Jacopo Napoli (2014-2015), Concorso Music World di Scafati (2018), ecc. Nonostante la giovane età, possiede un vasto repertorio, eseguito in numerosi concerti tenuti per conto del Conservatorio, e in molte sale, quali: l’Archivio di Stato di Salerno (2018), l’Auditorium Aldo Ciccolini di Napoli (2017), il Palazzo Zevallos di Napoli (2019) e il Circolo Canottieri di Salerno (2015-2016-2017).



YLENIA TAURISANO, ventiduenne, ha conseguito la maturità presso il liceo musicale Alfano I di Salerno con il M° Amedeo Scandone Si è esibita come solista con entrambi gli strumenti, partecipando anche alla realizzazione delle musiche per il film “Doppio binario”. Successivamente approfondisce i suoi studi di pianoforte presso il Conservatorio di musica “G. Martucci” con il Maestro Tiziana Silvestri, conseguendo la laurea triennale con valutazione 110 e lode. Attualmente sta per concludere il suo percorso magistrale in “Pianoforte indirizzo cameristico” seguita dai Maestri Tiziana Silvestri e Michela Trovajoli. Ha seguito masterclass con importanti docenti tra cui Bruno Canino, Michele Campanella, Alessandra Brustia, Orazio Maione. Si è esibita in diverse città ed in occasione di vari eventi come il Ravello festival, sia in qualità di pianista che clavicembalista. Ha partecipato a diversi concorsi nazionali ed internazionali, come il “Concorso internazionale per giovani musicisti Lams Matera 2019” classificandosi al secondo posto, “Concorso Europeo di esecuzione musicale Jacopo Napoli” classificandosi al primo posto, “Premio culturale Nazionale i talenti di Alphanus” presentando una sua composizione inedita e classificandosi al secondo posto.



ALESSANDRO AMENDOLA nato nel 2000 ad Eboli ha conseguito la laurea di primo livello in pianoforte con il massimo dei voti, lode e menzione speciale sotto la guida del Mº Giuseppe Squitieri. Attualmente prosegue gli studi al conservatorio di Salerno per il conseguimento della specialistica in pianoforte solistico e frequenta un corso di perfezionamento presso la Scuola di Musica di Fiesole col Mº Andrea Lucchesini. Si è aggiudicato i primi posti in numerosi concorsi pianistici ed ha seguito in Conservatorio le Masterclass con Andrea Lucchesini e Mats Widlund, ricevendo apprezzamenti per le straordinarie qualità evidenziate. È presente in tutte le manifestazioni del conservatorio e svolge una notevole attività concertistica



ALESSANDRO VOLPE, ventenne, frequenta il biennio in pianoforte ad indirizzo solistico presso il Conservatorio di musica “Giuseppe Martucci” di Salerno dove ha conseguito la laurea triennale con 110, lode e menzione d’onore sotto la guida di Tiziana Silvestri. Ha partecipato a masterclass con docenti di chiara fama tra cui Irene Veneziano, Andrea Lucchesini, Mats Widlund, Pasquale Iannone, Anna Kravtchenko ed è risultato vincitore di primi premi e primi premi assoluti in concorsi nazionali e internazionali quali i Concorsi Città di Airola, Città di Vallo della Lucania, Città di Baronissi, Città Mercato San Severino, Lams Matera, L. Mugnone – Città di Caserta e il concorso Europeo “Don Enrico Smaldone” nel quale ha ricevuto anche la menzione speciale della giuria critica. Alessandro Volpe recentemente ha eseguito da solista la Rapsodia in blu di G. Gershwin con l’orchestra “G. Martucci” al Festival di Ravello.